Azienda Agricola

L'Abbazia di Lucedio fu fondata nel 1123

Una storia lunga
nove secoli

L’Abbazia di Lucedio fu fondata nel 1123 dai monaci Cistercensi che bonificarono il territorio introducendo all’inizio del ’400 – primi in Italia – la coltivazione del riso.
L’Azienda Agricola Principato di Lucedio ha una storia lunga nove secoli e occupa una superficie di cinquecento ettari all’interno di un Parco Regionale.

COLTIVAZIONE

Al Principato di Lucedio
coltiviamo la storia

Avendo a cuore l’ambiente e abbracciando le nuove tecniche
di produzione sostenibile, nel rispetto della biodiversità della risaia.
SCOPRI DI PIU'
Coltivazione integrata e biologica
Agrotecnica utilizzata

Coltivazione integrata e biologica

L'attività di coltivazione della nostra azienda prevede l'utilizzo sia di un metodo di coltivazione integrato, sia di un metodo biologico.
L’onestà intellettuale e tecnica ci ha portato a differenziare i metodi di coltivazione al fine di soddisfare sia la clientela che richiede un prodotto derivante da agricoltura biologica sia la clientela che richiede un prodotto di qualità ineccepibile in termini organolettici e di sicurezza del consumatore.

SCOPRI DI PIU
 
SOSTENIBILITÀ AMBIENTALEAttenzione per l'ambiente

Attenzione per
l'ambiente

Le principali strategie adottate a Lucedio per la sostenibilità ambientale sono: Coltivazione del riso con il metodo della sommersione permanente, trinciatura delle paglie e successiva gestione delle stesse, utilizzo di colture intercalari da sovescio, rotazione mirata delle tecniche di agricoltura Blu (conservativa) e Verde (non conservativa)...
Come nasce il riso

Le quattro stagioni

Awesome Image

In primavera i campi fertili sono pronti ad accogliere la semina del riso. A Lucedio utilizziamo solo sementi certificate che vengono impiegate sia nella semina in acqua sia in asciutta, a seconda delle caratteristiche del terreno, della posizione dei campi e dei fontanili.
Grazie alle tecniche di agricoltura di precisione, ed in particolare alla mappatura dei terreni, siamo in grado di somministrare in modo differenziato gli apporti di fertilizzanti in ogni appezzamento evitando, in questo modo, eccessi e carenze.

Awesome Image

La maturazione del riso procede sotto il caldo sole estivo.
Gli interventi di lotta meccanica alle malerbe vengono rifiniti in questo periodo con la monda manuale del riso in modo da ridurre il più possibile la quantità di erbe infestanti ed arrivare al periodo del raccolto con campi con poca presenza di malerbe e soprattutto un ambiente pulito.

Awesome Image

L’autunno è la stagione che ripaga l’agricoltore di tutto il suo operato, ma il lavoro non finisce qui. Dopo il raccolto il riso viene essiccato prima della lavorazione in riseria.
Per preservare al meglio le caratteristiche organolettiche del nostro riso, utilizziamo per l’essiccatura il gpl, riducendo così, oltre ai residui sui chicchi, anche le emissioni in atmosfera.

Awesome Image

A Lucedio pratichiamo un doppio sovescio, tecnica di rotazione delle colture che ci permette di nutrire i terreni durante la stagione fredda.
Orzo e veccia vengono seminati in autunno e in inverno e successivamente interrati per aumentare la naturale fertilità dei campi, riducendo l’uso di concimi chimici.

Energia pulita

In tutte le stagioni un buon
riso e un ambiente pulito
vanno di pari passo

SCOPRI DI PIU'